Farle tornare la passione di una volta

il sessuologo rispondeDomanda

Gentile dottor Celletti, ho 30 anni e sono sposato da 4 anni. Ho conosciuto mia moglie quando eravamo all’università e me ne sono subito innamorato. Da quando ci siamo sposati però non c’è più la stessa intimità sessuale: io ho i miei impegni, lei ha i suoi, la sera comunichiamo poco e facciamo l’amore meno di una volta al mese.

Ne abbiamo parlato: lei mi accusa di essere troppo oppressivo nelle mie richieste. A me sembra che non sia cambiato niente, di diverso ci siamo solo sposati.

Cosa sbaglio? Come faccio a farle tornare la passione di una volta?

Risposta

Caro lettore, grazie per aver deciso di condividere la tua storia con noi.

Farle tornare la passione di un tempo è un’idea comprensibile, ma può non essere la più efficace.

Attualmente la frequenza (e la qualità) dei rapporti sessuali con sua moglie si è ridotta e credo possa essere più utile concentrarsi su questo argomento piuttosto che sul passato.

In questi 4 anni di matrimonio non credo si debba pensare che vi siete solo sposati, ma credo si possa anche dire che siete cresciuti e forse siete riusciti a condividere troppo poco le cose che vi hanno cambiato giorno per giorno.

Le consiglio di non cercare la donna che in questo momento non rivede in sua moglie, ma di scoprire con calma e desiderio la nuova donna con cui condivide le sue serate.

Ha detto che ne avete parlato e lei l’ha descritta come eccessivamente oppressivo; l’idea era giusta, parlarne, forse non siete riusciti a capirvi a sufficienza.
Quindi, come farle tornare la passione di una volta?

Cerchi di pensare a qualcosa di originale per spezzare la monotonia serale.

Uscite a cena e parlate di voi, di come vanno ultimamente le cose, del cosa notate di diverso, del perché lei la trova più oppressivo di un tempo e, soprattutto, di cosa desidera da lei, da sé stessa e da voi due insieme.

Se non voleste uscire o fosse scomodo per vari motivi, va sempre bene organizzare una cena romantica in casa. Spegnete il televisore, i cellulari ed i computer e dedicate la vostra attenzione completamente a voi.

Forse sua moglie al momento è disturbata da qualcosa che non avete condiviso, forse, senza pensarci, sta facendo qualcosa che l’ha infastidita. Forse ha semplicemente qualche nuovo pensiero o desiderio che non è riuscita a condividere e su cui rimugina da sola. Sia comprensivo e ascolti, ascolti e ascolti, per provare ad innamorarsi ancora di più della donna che ha sposato.

Prima di lasciarla parlare nel modo che ultimamente (senza pensarci) vi ha portato alla distanza attuale, le chieda di pensarci e di scrivere i suoi pensieri, forse ne verrà fuori qualcosa di nuovo. Con il vostro pensare a voi, forse troverete anche un piccolo passo verso la soluzione al problema attuale.

Spero di esserle stato di aiuto, non esiti a scrivermi per ulteriori dubbi.

Cordiali saluti

Dr. Valerio Celletti

Studio di psicoterapia e sessuologia Dr. Valerio Celletti

Chiedere aiuto è il primo passo per migliorare

Rimaniamo in contatto con i social :)

Scrivi al dr. Valerio Celletti, psicologo psicoterapeuta e sessuologo

0 + 3 = ?

Questo modulo di contatto è disattivato perché l’utente ha rifiutato di accettare il servizio Google reCaptcha, necessario per convalidare i messaggi inviati dal modulo.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cos’è il pensiero positivo? Funziona? Vantaggi e limiti della teoria del pensiero positivo

Cos'è la teoria del pensiero positivo? Esploriamo insieme vantaggi e limiti della teoria del pensiero positivo e valutiamo le possibili alternative.
19/11/2018/da Valerio Celletti

Il ruolo del pensiero in psicologia clinica: Cosa vuol dire “dialogare con i pensieri”?

Qual'è il ruolo del pensiero in psicologia clinica? Cosa vuol dire dialogare con i pensieri? Il punto di vista della psicoterapia cognitivo comportamentale
05/07/2017/da Valerio Celletti

Tredici (13 reasons why) – Un telefilm sul bullismo e l’autolesionismo in adolescenza

Tredici (13 reasons why) è una serie tv che racconta una storia di bullismo e autolesionismo negli Stati Uniti che vede protagonista Hannah Baker.
17/05/2017/da Valerio Celletti

Le terapie di conversione

A marzo 2019 durante il congresso mondiale delle famiglie i partecipanti hanno parlato di tesi controverse, tra cui le terapie di conversione o anche dette terapie riparative per l'omosessualità. Durante il convegno queste pratiche sono state definite scientifiche e citate con naturalezza, ma sono pratiche anacronistiche, contrarie alla deontologia professionale e iatrogene per chi le subisce. è importante ribadirne la pericolosità mettendo in dubbio le idee che ne costituiscono le fondamenta.
11/04/2019/da Valerio Celletti

Normalità e anormalità, tre modi di pensare che possono danneggiare il benessere emotivo

La normalità e l'anormalità sono concetti a cui è possibile approcciarsi in molti modi. Non ne esiste uno giusto, ma è possibile mettere in evidenza almeno tre modi di pensare che possono risultare controproducenti per il benessere emotivo e sessuale.
26/04/2019/da Valerio Celletti

L’attrazione per i capelli delle bambine è un segno velato di pedofilia?

Dodicesimo capitolo della rubrica - il sessuologo risponde - Una persona si interroga sulla propria difficoltà a spiegarsi il motivo per cui si sente così tanto interessato dai capelli biondi delle bambine, iniziando a dubitare che possa essere un segno velato di una pedofilia latente. Nella mia risposta, senza addentrarmi nello spiegare la pedofilia, provo a suggerire cosa approfondire e una possibile alternativa più plausibile.
29/03/2019/da Valerio Celletti

La durata della psicoterapia. Quanto dura una psicoterapia?

La durata della psicoterapia. Destreggiarsi tra psicoterapia interminabile, psicoterapia supportiva, psicoterapia breve e psicoterapia intensiva
18/12/2017/da Valerio Celletti
Carica di più