L’attrazione per i capelli delle bambine è un segno velato di pedofilia?

Domanda

Gentile Valerio Celletti!

Le scrivo, perché vorrei da lei un chiarimento. Spesso, mi capita di essere attratto esteticamente dalle bambine; in particolar modo dai loro capelli.
Però, contemporaneamente non desidero minimamente farci atti-sessuali: anzi, io sono un ragazzo molto sensibile e detesto chi si permette di abusare sessualmente delle bambine!!! Però, non riesco a non guardarle quando vedo in particolare bambine bionde, che è il mio gusto preferito.

Le domando allora: è una cosa normale, oppure è un segno “Velato” di sottile pedofilia? E quali sono precisamente i sintomi di questa patologia? Mi faccia sapere!

La ringrazio per la sua disponibilità!

Cordiali saluti!

il sessuologo risponde

Risposta

Gentile lettore, rispondere alla sua domanda è complesso. La pedofilia è un argomento di cui si parla poco per timore di essere fraintesi e, contemporaneamente, è un argomento su cui pochi trovano spazio per fare domande per paura di subire accuse difficili da dimostrare, ma difficili da smentire. Per risponderle in modo comprensibile, ho pubblicato un articolo sul tema della pedofilia che la invito a leggere e che spero possa aiutarla a farsi un’idea su questo argomento.

Il tratto distintivo di una parafilia è il gusto sessuale

Nella pedofilia è presente desiderio sessuale verso chi non ha ancora sviluppato i tratti di genere, cioè per chi ha meno di 12 anni (circa). Di conseguenza, chi soffre di disturbo pedofilico prova gusto sessuale per l’estetica dei minori. Nonostante questo, non tutti coloro che fanno apprezzamenti estetici verso i minorenni sono pedofili. Anzi, di solito l’apprezzamento è privo di malizia e di riferimenti alla sessualità.

Data l’assenza di tratti sessuali nel minore, l’apprezzamento privo di connotazioni sessuali è il commento più concreto possibile. La discriminante non sta nell’apprezzare o meno un tratto estetico, ma piuttosto nel fatto che quella caratteristica inneschi un pensiero sessualizzato.

Nel suo caso, questo non accade. Lei spiega chiaramente che la sua attrazione verso i capelli delle bambine non è sessualizzata. Quindi, da quanto scrive, è possibile escludere il rischio che possa essere un segno di pedofilia. Nonostante questo, approfondire questo argomento può esserle utile per comprenderne il ragionamento e la possibile somiglianza con il disturbo pedofilico.

Il gusto per i capelli delle bambine

Trovo sia interessante il fatto che lei abbia scelto una caratteristica fisica con alcune peculiarità. Durante la pubertà i capelli vanno incontro a modifiche meno drastiche del resto del corpo. In questo senso, se decontestualizzati, è possibile che sia difficile riconoscere una ciocca di capelli di bambina da una ciocca di capelli di donna. Però capita di frequente che i bambini abbiano capelli più chiari del colore che sviluppano successivamente in età adulta. Quindi è possibile che la sua attenzione non sia stimolata dal fatto che l’altra persona sia una bambina, ma piuttosto dal fatto che abbia un colore che è raro trovare negli adulti.

È quindi possibile che la curiosità e l’apprezzamento che nutre nei confronti dei capelli delle bambine bionde potrebbe coinvolgere anche una donna adulta, se riuscisse a ricreare in modo accurato la colorazione di suo gusto. Allo stesso tempo, è possibile che il sapere che quel colore è prodotto artificialmente potrebbe rovinare il suo gusto. In quel caso, potrebbe riflettere sulla possibilità che il suo gusto non sia legato al colore, ma a una personale valutazione sul tema dell’autenticità associata al colore dei capelli delle bambine. È possibile che esista un suo personale ragionamento sul modo in cui valuta questa autenticità o questo colore, ed è altrettanto possibile che questi si colleghino a qualche sua esperienza passata che giustifica tale riflessione.

Esplori i suoi pensieri

Ascoltare meglio i pensieri è sempre il modo più efficace per capire le proprie emozioni e comportamenti. Quando capiterà di accorgersi distratto dal guardare i capelli di una bambina, si prenda lo spazio per ascoltarsi e capire meglio il proprio gusto. Ricercare un colore simile tra le persone adulte potrebbe offrirle spazio per trarre ulteriori considerazioni e capire meglio il suo modo di pensare. Se emergesse il tema dell’autenticità, o ne emergessero altri, si prenda lo spazio per esplorarli. Dare grande importanza a un pensiero può essere dovuto a molte ragioni e, nel caso se ne dia troppa, può causare diverse difficoltà emotive e relazionali. Esplorare le proprie convinzioni, capirle e saper valutare delle alternative è un percorso che può svolgere autonomamente o facendosi aiutare da uno psicoterapeuta.

Per maggiori informazioni sul tema della pedofilia, la rimando all’articolo citato all’inizio della risposta.

Spero di esserle stato di aiuto, non esiti a scrivermi per ulteriori dubbi.

Cordiali saluti.

Dr. Valerio Celletti

Studio di psicoterapia e sessuologia Dr. Valerio Celletti

Chiedere aiuto è il primo passo per migliorare

Rimaniamo in contatto con i social :)

Scrivi al dr. Valerio Celletti, psicologo psicoterapeuta e sessuologo

1 commento
  1. Tyrone
    Tyrone dice:

    Somebody necessarily help to make critically articles I’d state.
    This is the very first time I frequented your website page and to
    this point? I amazed with the research you made to create this particular post amazing.
    Great activity!

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il ruolo del pensiero in psicologia clinica: Cosa vuol dire “dialogare con i pensieri”?

Qual'è il ruolo del pensiero in psicologia clinica? Cosa vuol dire dialogare con i pensieri? Il punto di vista della psicoterapia cognitivo comportamentale
05/07/2017/da Valerio Celletti

Le terapie di conversione

A marzo 2019 durante il congresso mondiale delle famiglie i partecipanti hanno parlato di tesi controverse, tra cui le terapie di conversione o anche dette terapie riparative per l'omosessualità. Durante il convegno queste pratiche sono state definite scientifiche e citate con naturalezza, ma sono pratiche anacronistiche, contrarie alla deontologia professionale e iatrogene per chi le subisce. è importante ribadirne la pericolosità mettendo in dubbio le idee che ne costituiscono le fondamenta.
11/04/2019/da Valerio Celletti

La fobia specifica. Diagnosi e trattamento

Cos'è la fobia specifica e come funziona la psicoterapia per la fobia specifica? Diagnosi e trattamento secondo la psicoterapia cognitivo comportamentale
25/01/2018/da Valerio Celletti

Noia sessuale e coppia aperta

Due persone sposate da 25 anni, vittime della noia sessuale, decidono di sperimentare la coppia aperta per risolvere un problema di desiderio sessuale. Ma agire senza aver risolto il problema rischia di essere controproducente. Prima è meglio risolvere la noia e dopo, se si vuole, sperimentare la coppia aperta.
05/06/2019/da Valerio Celletti

Prostata ingrossata e disturbo erettile. È tutto sotto controllo?

Un uomo di 66 anni mi chiede un parere sull'insorgere di un problema di erezione. Per capire meglio la situazione, è importante che lui prima consulti un medico di assistenza primaria. Quando si presentano in concomitanza sintomi fisici e sessuali, una diagnosi accurata è sempre importante.
04/03/2019/da Valerio Celletti

Lui mi impedisce di vivere il sesso in una dimensione più profonda e spirituale

Il sessuologo risponde - Vorrei vivere il sesso in una dimensione più profonda e spirituale, ma la spiritualità nella spiritualità ha molte sfumature
15/02/2019/da Valerio Celletti

Insatiable – Quando le opportunità diventano un rischio

Insatiable racconta la storia di Patty Bladell (Debby Ryan) e delle persone con cui condivide la sua difficoltà, non riuscire mai a colmare il proprio vuoto
01/09/2018/da Valerio Celletti
Carica di più